Contesti sociali.

Per colpa della pioggia ho passato un’accidiosissima giornata a pulire casa. Pokémon e pulizie mi stanno uscendo dagli occhi per quanto io ami la tranquillità. Mi sono iscritto a Pinterest, seguitemi QUI. Oggi vorrei riflettere sul nostro valore rispetto ai contesti sociali, sui ruoli che interpretiamo e su come cambiamo totalmente. L’altro giorno pensavo al fenomeno del bullismo, a come spesso i peggiori teppistelli siano gli amori di mamma e la gloria della famiglia. Pensavo a come ci rendiamo differenti in base alle realtà che abbiamo davanti. Sono uno studente modello per i professori, un outsider che dice cose strane per i miei compagni di classe, sono “Modello presso: Burger King” per me stesso, sono solitamente cordiale con tutti e i miei genitori credono io abbia la testa chissà dove. Non credo ci si fermi spesso a pensare a come ci comportiamo, certi atteggiamenti sembrano quasi innati. C’è anche il modello inverso al mio: Odiati dai professori, un leader per i compagni di classe, il maschio alfa della compagnia di amici, il quale trascura di facciata la propria famiglia quando poi la considera la cosa più importante. Quanto odio le facciate. Delle volte le persone costruiscono degli insignificanti muri di apparenza utili a dare un’idea falsa di sé a chi finge interesse nei loro confronti. È l’esempio di una persona che conosco e della quale continuo a scrivere frasi perfide che continuo a cancellare: Si pone di persona e attraverso i social come colui che ha la vita perfetta, con amici che lo adorano e il ragazzo perfetto, tralasciando gli scheletri nell’armadio che ad Halloween farebbero furore e tutte le cose che non conviene dire. Anzi, credo di aver detto troppo, potrei passare da accidioso a acido, da evitare! Credo che il discorso delle facciate sia strettamente legato ai social network. La gente crederebbe a qualsiasi cosa, c’è davvero gente che crede a Tanisha! (Una lunga storia all’insegna del trash che un giorno racconterò) Vedo gente che fa la ricca quando poi so per varie ragioni che ha determinate difficoltà. Non dico che una persona debba scrivere su un social “Non sono riuscita a pagare le bollette!” ma neanche mettere in piedi teatrini di apparenze al fine di ricavarne dei like e un po’ di approvazione sociale!

È giusto che ognuno di noi crei i propri scudi rispetto alla società, ma evitate di arrivare al limite del ridicolo, suvvia!

L’Accidioso Errante