Pare non troppo paranoiche.

Non so il perché di tutto ciò, ma queste serate così ignave mi rendono veramente triste. Ho passato due giornate davvero belle:

Ieri sera sono stato al compleanno di una mia compagna di classe, aspettava quel giorno da quando la conosco ed è stato meraviglioso vederla felice. Oggi ho passato una giornata stupenda con il mio ragazzo. Non concordo completamente con la frase “non sai ciò che hai finché non lo perdi”, è una frase fatta per quelle persone che non si fermano mai a riflettere su ciò che hanno. Ricordo di aver pianto spesso nel periodo di Natale, pensando a tante cose. Sono quel tipo di ragazzo che spesso e volentieri si lamenta di non avere questo o quello, di non riuscire a fare le cose e non apprezza mai la realtà. Ci sono diverse cose della mia realtà per le quali sto lottando, ma raramente mi fermo a pensare a ciò che ho. Oggi è uno di quei giorni. Tornando al Natale, ho pensato a quanto fosse bello il fatto di avere una madre che mi vuole tanto bene, un padre che seppure distante fa il massimo per far sentire la sua presenza in casa, una famiglia “naturale” di persone buone e alla mano (sono io che in loro presenza divento un po’ asociale, mi devono perdonare ma temo ancora la domanda tattica della fidanzatina) e una famiglia “scelta” di pochi e veri amici. Piangevo di gioia, magari non sarò uno di quei ragazzi che la vita ha scelto di rendere fortunato in tutti i campi, ma ho delle persone su cui contare. Oggi pensavo a quanto io stia bene con lui, a come sia raro, a tutte quelle sfumature che rendono un rapporto tra due persone diverso da un rapporto dovuto a circostanze sociali. Questo tipo di pensieri portano un paranoico medio quale sono io ad avere paura di perdere tutto ciò a cui tiene. Stasera provo emozioni contrastanti di varia natura, ma forse, come dice Vasco Brondi…

“Forse si trattava di accettare la vita come una festa,
come ha visto in certi posti dell’Africa.
Forse si tratta di affrontare quello che verrà
come una bellissima odissea di cui nessuno si ricorderà. “

Sono dell’ idea che una bella riflessione su tutto ciò che abbiamo faccia bene a tutti. Se ciò che abbiamo non durerà per sempre, perché vivere nella paura di perderlo? Non importa di che emozioni si tratti, vivetele al massimo, sempre. E adesso mi sento tanto Barbara D’Urso, quindi la smetto. Buonanotte.

L’Accidioso Errante

Metafore di una giornata a metà

In questo preciso istante provo sulla pelle una piacevole quanto terribile sensazione di dualismo. Da un lato mi sento terribilmente fragile, dall’altra possente, quasi inscalfibile. Quando mi sento così ascolto quella scia di cantanti indie Italiani da ragazzina alternativa in guerra col mondo come Le Luci Della Centrale Elettrica, La Fame Di Camilla, i Tre Allegri Ragazzi Morti, Maria Antonietta e altri. Inizio ogni post pensando che non ho un argomento preciso, e non ce l’aveva neanche lui, mentre provava a scrivere una canzone. Impugnava la chitarra come se fosse un’arma da guerra e sparava alla sua realtà senza mai ferire nessuno. Aveva voglia di suonare per l’intera notte, ma aveva paura di distruggere una ad una le corde di quel magnifico strumento, di ledere in qualche modo la bellezza complessiva di quei brividi che provava suonando. Eppure lui non voleva nient’altro che stare seduto su quella sedia, con la sua chitarra. Suonava accordi così prematuri, a volte nemmeno li azzeccava. Doveva farsi venire i calli alle dita, dopo aver cambiato totalmente strumentazione. Forse voleva davvero pensare a tutti i pianeti raggiungibili da lì, o forse voleva autoritrarsi con le note mentre lentamente partiva per un pianeta sconosciuto. Era tutto così surreale che anche lui stentava a crederci. Per alcuni tempi si chiese quale fosse il punto d’origine del suo amore per la musica. Certe cose hanno davvero un inizio? O magari sono scritte in un disegno più grande di noi, come quando segui un tutorial per fare un disegno, e all’improvviso due tratti a matita fatti in due momenti diversi si scontrano, la matita diventa penna e tutto il resto scompare, rimangono solo quei tratti indelebili, di tutto il resto rimangono segni che sembrano perdere senso. Forse la musica è una questione di contingenza, eppure certe canzoni erano indimenticabili. Non riusciva a dimenticare tutte quelle melodie che sorgevano e tramontavano nella sua mente, quelle nate per metà. Eppure la sua mente era un iPod pieno di musica in riproduzione non troppo casuale, dove sperava che la batteria non si esaurisse mai.

Metafore di una giornata a metà.

L’Accidioso Errante.